Alta velocità, Pagliaro: “Mentre Bari corre, il Salento resta su un binario morto. Fa rabbia l’esultanza del commissario Pagone”

Nota del consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo La Puglia Domani:
 
 
«Da Bari a Napoli in 2 ore e 40 minuti, da Bari a Roma in 3 ore, sui treni ad alta velocità. Mentre Rfi celebra una nuova tappa di avvicinamento all’obiettivo di dicembre 2024 con l’attivazione del tracciato Caserta-Cancello, il Salento continua a restare tagliato fuori dall’alta velocità ferroviaria e dal corridoio europeo TEN-T Scandinavia-Mediterraneo, finanziato in parte con fondi del Pnrr. Negati collegamenti veloci ed efficienti per chi viaggia in treno da Lecce, Brindisi e Taranto, il Tacco d’Italia rimane spezzato in due, dimenticando che l’Italia comincia a Santa Maria di Leuca e non finisce a Bari. Un’ingiustizia che non limita soltanto il diritto alla mobilità dei salentini ma anche dei tantissimi turisti che scelgono questo lembo di terra per le loro vacanze, e che si ritrovano di fronte a servizi di trasporto arretrati».

«Da anni denunciamo il doppiopesismo della Regione nella programmazione della rete dei trasporti, da anni rivendichiamo il diritto all’alta velocità per connettere la nostra terra al resto d’Italia e d’Europa, ma dalla cabina di regia regionale si continua a fare orecchio da mercante e a concentrare investimenti e risorse su Bari, in ossequio ad una strabica e arrogante visione Bari-centrica che penalizza e mortifica gli altri territori, trattati alla stregua di periferie dell’impero».

«E fa davvero specie e rabbia l’esultanza del commissario straordinario di governo Roberto Pagone, direttore degli investimenti per il Sud Italia di Rete Ferroviaria Italiana, che dimentica le sue origini leccesi e si dichiara orgoglioso, da pugliese, dei passi in avanti per il completamento dell’alta velocità Bari-Napoli. Da salentino, dovrebbe sentirsi invece umiliato e infuriato come lo siamo noi, perché mentre Bari corre a tutta velocità, Lecce e il Salento vengono lasciate sul binario morto di collegamenti ferroviari antiquati».

«Perciò, ancora una volta, suoniamo la sveglia al governo Emiliano affinché dia attuazione alle mie due mozioni per l’estensione dell’alta velocità fino a Lecce, approvate in Consiglio regionale. È un impegno preciso che non può continuare ad essere disatteso, e che mette nero su bianco le richieste del territorio salentino, urlate nella grande manifestazione del febbraio 2021 davanti alla stazione di Lecce».

News dal Network

Promo