Scoperta discarica abusiva a Barletta, stoccate 28mila tonnellate rifiuti

Un’area estesa per oltre quattro ettari trasformata in discarica abusiva di rifiuti speciali, per lo più scarti e inerti derivanti da attività di demolizione.

È quanto hanno scoperto i finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria di Barletta assieme ai colleghi del nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale di Bari, che hanno eseguito a carico di una impresa di Barletta specializzata nel recupero di materiali di scarto da demolizione, e considerata responsabile dell’illecito stoccaggio dei rifiuti, un provvedimenti di sequestro impeditivo e reale. Complessivamente, tra il 2019 e il 2021, sarebbero state depositate più di 28mila tonnellate di rifiuti.

I sigilli riguardano l’intero compendio aziendale: complessivamente il valore dei beni sequestrati ammontano a più di 500mila euro a cui se ne sommano altrettanti in termini di risorse finanziarie, riconducibili all’amministratore dell’impresa sottoposta a indagini. Sono stati sottoposti a «vincolo reale», puntualizzano gli investigatori, «diversi rapporti bancari intestati alla società e al suo amministratore, quote societarie, l’intero compendio aziendale e la discarica abusiva».

Dagli accertamenti eseguiti dai militari e coordinati dalla procura di Trani, che indaga per realizzazione e gestione di discarica abusiva e illecito amministrativo, è emerso che i rifiuti – provenienti dal territorio della provincia Barletta-Andria-Trani viaggiavano su automezzi non iscritti all’albo dei gestori ambientali, che raggiungevano la sede dell’impresa con un carico per un peso superiore rispetto a quanto consentito dall’autorizzazione provinciale (22 volte maggiore della capacità massima istantanea), per poi stoccare i rifiuti su terreni non autorizzati, che venivano usati come discariche e successivamente avviati al recupero. L’impresa avrebbe inoltre occupato abusivamente suoli di proprietà dell’Erario, nella disponibilità del Comune di Barletta.

Promo