L’ottima collaborazione tra Eurosud di Triggiano ed Eurodesk di Capurso porta gli studenti a Cipro

Appena concluso lo scambio giovanile internazionale Erasmus + sull’Isola di Cipro dal titolo “Could you be loved and be loved” svolto a Larnaca, dal 4 al 14 Maggio. L’incontro formativo ha visto la partecipazione di 56 giovani e dei loro accompagnatori provenienti da Cipro, Italia, Romania, Grecia, Spagna,Ungheria, Polonia e Francia.
Ogni Paese è stato rappresentato da 7 giovani partecipanti.

Gli studenti provenienti da Triggiano e Capurso,  Alessandra, Arianna, Asia, Marika, Miriam, Nicole e Giandomenico hanno preso parte al progetto educativo che mirava a promuovere la giustizia sociale, combattere la disoccupazione giovanile, promuovendo l’uguaglianza di genere e i diritti delle minoranze e degli immigrati.

Il professore Convertini, tutor, riporta: «Palpabile l’entusiasmo con cui i ragazzi si sono avvicinati ad alcune  tra le più importanti tematiche sociali ed ambientali, mediante una metodologia che li ha resi protagonisti e non meri fruitori passivi» .

Nell’ambito del programma Erasmus+, sono stati utilizzati metodi educativi sia formali che informali. Diverse attività̀ di gruppo quali discussioni aperte, laboratori esperienziali, incontri con le autorità̀ locali, cooperazione in gruppi di lavoro, visite a casi di studio, giochi interattivi, giochi di ruolo ed eventi di intrattenimento per stimolare la partecipazione attiva dei partecipanti. Durante il soggiorno, i giovani italiani hanno avuto la possibilità̀ di esplorare il territorio di Cipro, visitando le città di Nicosia e Larnaca. Nicosia, la capitale di Cipro, è una città ricca di storia e cultura.

Qui i partecipanti hanno avuto l’opportunità̀ di visitare il quartiere storico di Laiki Geitonia, caratterizzato dalle sue strade strette e dai suoi edifici tradizionali in pietra. Inoltre, hanno potuto ammirare la cattedrale di San Giovanni Battista e il Palazzo dell’Arcivescovado, un edificio storico del XVIII secolo che ospita il Museo Bizantino.

A Larnaca, invece, i giovani italiani hanno visitato il castello medievale di Larnaca, costruito dai Bizantini nel XIII secolo, e la moschea di Hala Sultan Tekke, uno dei luoghi di culto più importanti dell’Islam in Cipro. Inoltre, hanno avuto l’opportunità di sperimentare la cucina locale, gustando i piatti tradizionali dell’isola come il souvlaki, spiedini di carne di agnello o di maiale marinati e grigliati, o il mezze, una  selezione di antipasti tipici della cucina mediterranea.

Tra i piatti tradizionali di Cipro, i giovani hanno menzionato il kleftiko, un piatto a base di carne di agnello cotto a fuoco lento con patate e verdure, e lo stufato di coniglio, un piatto gustoso preparato con carne di coniglio, pomodori, cipolle e spezie. Inoltre, i partecipanti hanno avuto l’opportunità di gustare i dolci tipici come il loukoumades, delle frittelle dolci servite con sciroppo di miele, e il baklava, un dolce a base di pasta fillo ripieno di noci e sciroppo.

In generale, lo scambio culturale Erasmus+ è stata un’esperienza valorizzante per tutti i partecipanti, che hanno avuto l’occasione di incontrare giovani provenienti da paesi diversi e di confrontarsi su tematiche sociali ed ambientali di grande attualità. Grazie alla metodologia non formale utilizzata, i giovani hanno  potuto apprendere in modo attivo e partecipativo, sviluppando competenze chiave e sensibilità̀ interculturale.

Infine, l’esperienza ha permesso ai partecipanti italiani di scoprire nuove culture e tradizioni, ampliando i loro orizzonti culturali e arricchendo il loro bagaglio di conoscenze e competenze utili per il loro futuro personale e professionale.

Fondamentale è stato il lavoro svolto dal Punto Locale Eurodesk di Capurso nell’organizzazione dello scambio culturale. Questo ufficio, infatti, ha fornito un grande supporto ai giovani, promuovendo l’opportunità̀ e garantendo la partecipazione al progetto Erasmus+.

«Non un semplice viaggio, ma una concreta occasione di integrazione culturale – commenta la consigliera delegata alle politiche giovanili Raffaella Rubino Quest’anno l’amministrazione comunale Laricchia di Capurso ha festeggiato la settimana dedicata all’Europa attraverso la promozione di questa mobilità transnazionale giovanile, pertanto ringraziamo la collaborazione con l’associazione EUROSUD  e i Licei Cartesio di Triggiano».

«L’esperienza vissuta dagli studenti del Cartesio di Triggiano ha indubbiamente contribuito ad ampliare i loro orizzonti culturali – commenta il professor ConvertiniEra tangibile l’entusiasmo con cui i ragazzi tutti si sono avvicinati ad alcune tra le più importanti tematiche sociali affrontate, mediante una metodologia laboratoriale che li ha resi del tutto protagonisti. Anche il confronto con i giovani di altri paesi europei è stato un qualcosa in più che sicuramente procura una marcia in più al loro impegno».

In generale, l’obiettivo dell’intero scambio culturale è stato quello di potenziare le competenze chiave dei partecipanti, creando anche metodi utili per le stesse da condividere con giovani ed altre associazioni.

«Essere riusciti ad avvicinare i giovani del territorio all’educazione non formale è per noi forte motivo di orgoglio – aggiunge l’avvocato Adriano Difronzo, responsabile dell’associazione Eurosud – ed aver cosi sensibilizzato i partecipanti, gli studenti e la comunità̀ locale su tematiche care all’UE come la cittadinanza attiva, la transizione ecologica e digitale e i valori europei lo è ancora di più».

L’ufficio Eurodesk Capurso è sempre disponibile per fornire informazioni su altre opportunità di scambi giovanili, progetti educativi, borse di studio e tirocini all’estero. Grazie a questo tipo di esperienze, i giovani possono accrescere le proprie competenze, sviluppare nuove conoscenze e abilità, acquisire maggiore consapevolezza culturale e sociale e contribuire alla costruzione di una società più inclusiva ed equa.

Promo