Lector in Scienza 2023, mobilità sostenibile, spazio e salute, mare, dolore nella seconda giornata

 Una riflessione sui grandi temi e sulle sfide connesse, sulle scelte e le decisioni che condizionano il nostro modo di vivere. “La misura del Mondo” di “Lector in Scienza”, il Festival sulla divulgazione scientifica organizzato dalla Fondazione Di Vagno, insieme con l’Università di Bari, passa anche da qui, dalla capacità di analisi della realtà. 

Di mobilità sostenibile, neuroscienze, rapporto tra spazio e salute, mare e dolore, si parlerà domani venerdì 26 maggio 2023, nella seconda giornata di una manifestazione che mette tutti dinanzi alla realtà e cioè che ci si trova nel bel mezzo di un’emergenza su scala planetaria.

“Lector in Scienza”, con decine di eventi con scienziati, professori, giornalisti e divulgatori dislocati tra l’antico Monastero di San Benedetto, il Castello e le scuole di Conversano, non ha la pretesa di elargire soluzioni, ma fornisce gli strumenti utili a comprendere quello che accade. 

Domani venerdì 26 maggio la giornata si aprirà con Lector Ragazzi e gli studenti delle scuole medie che incontreranno Laura Ogna e le sue storie di viaggiatrici ed esploratrici che sono andate controcorrente. 

Sull’Intelligenza Artificiale, tra incognite, opportunità e nuove sfide, Pierluigi Contucci professore ordinario di Matematica all’Università di Bologna dialogherà con il filosofo Armando Massarenti. L’incontro sarà introdotto dal giornalista Luigi Quaranta, componente CdA Fondazione Di Vagno. 

Di mobilità, futuro dell’automobile e soluzioni alternative per un futuro smart e sostenibile parleranno Miriam Loiacono Ceo di Autoclub Group e Michele Ottomanelli professore di Tecnica ed Economia dei trasporti Poliba.

Il pomeriggio si aprirà con Paolo Donadoni sindaco di Santa Margherita Ligure e professore di Bioetica all’università di Genova in dialogo con l’astrofisica Patrizia Caraveo e la giornalista Donatella Bianchi. Al centro dell’appuntamento, moderato dal direttore di Pagina’21 Oscar Buonamano, il pensiero di dieci scienziate dei nostri giorni su bioetica e ambiente. 

Il pomeriggio proseguirà con la brand strategist Simona Ruffino con la quale sarà possibile riflettere sulla neuropsicologia applicata al marketing. Ad intervistarla, la giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno Bianca Chiriatti.

Per Focus, il professor Francesco Giordano dialogherà sul tema Spazio e salute con Maria Grano professore ordinario di Istologia dell’Università di Bari e Flavio Augusto Gentile CEO & Co-founder – REA Space – space technologies for humans.

Roberta Fulci autrice e voce di Radio3 Scienza ci parlerà del suo libro Il male detto nel quale ripercorre storie e dialoga con i protagonisti della ricerca sul dolore.

A conclusione di giornata con il giornalista Rai Alessandro Macina, inviato di Presa Diretta, si parlerà di riscaldamento globale e della situazione dei nostri oceani con il libro Polmone blu, pubblicato nella collana curata da Riccardo Iacona per Dedalo. Ad intervistare l’autore sarà Tommaso Farenga, ingegnere esperto in pianificazione territoriale e ambientale.

“Lector in Scienza” è promosso e organizzato dalla Fondazione di Vagno in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, con il patrocinio del Ministero della Cultura, di Regione Puglia – Dipartimento Cultura e Turismo e del Comune di Conversano, e con il sostegno di Acquedotto Pugliese e Fondazione Casillo con la mediapartnership di Rai Radio 3 e Pagina’21, la sponsorship di Master Italy srl e Autoclub Group, la partnership tecnica di Aesse Soluzioni Informatiche Proattive.

Promo