“Il Kursaal Santalucia: un sorridente liberty”, quarto appuntamento del ciclo “Teatri di Puglia: il miglio dei teatri di Bari”

Si terrà lunedì 5 giugno 2023, alle ore 17.00, il quarto incontro del progetto “Teatri di Puglia: Il miglio dei teatri di Bari”, dal titolo “Il Kursaal Santalucia: un sorridente liberty”, a cura della Teca del Mediterraneo, Biblioteca del Consiglio regionale della Puglia, in via Gentile 52 a Bari.

Introduce Anna Vita Perrone, Dirigente della Sezione Biblioteca e Comunicazione Istituzionale.

Intervengono: Grazia Di Bari, Consigliera Regione Puglia con delega alla Cultura;

Aldo Patruno, Direttore generale del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio di Regione Puglia; Anita Guarnieri, Direttore della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le province di Barletta, Andria, Trani e Foggia; Carmen D’Onghia, Architetto, Funzionario P.O. di Puglia Valore Immobiliare Srl.

Modera da Pasquale Bellini, giornalista, critico e teatrale.

Letture teatrali a cura di Luciano Montrone, operatore culturale.

Conclude Loredana Capone, Presidente del Consiglio regionale della Puglia.

Al termine dell’incontro i partecipanti possono partecipare ad una speciale visita guidata gratuita al teatro Kursaal Santalucia, a cura di Teca del Mediterraneo, biblioteca del Consiglio regionale della Puglia, con la collaborazione del Dipartimento della Regione Puglia “Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio, che si ringrazia per la disponibilità e l’ampia condivisione assicurata al progetto.

In questa occasione i partecipanti possono visitare anche la mostra antologica “Il vero oltre il visibile” di Fiorella Rizzo, a cura di Christine Farese Sperken, ospitata nella Sala Giuseppina.

Un servizio trasporto dedicato partirà dal palazzo del Consiglio regionale, accompagnerà gli ospiti per la visita al teatro, e farà ritorno in via Gentile.

Per partecipare alla visita è necessario comunicare la propria adesione tramite tel. 080 540 2770 oppure email: biblioteca@consiglio.puglia.it  poiché, per assicurare la qualità del percorso il numero dei visitatori ammessi alla visita del teatro è limitato ai primi 50 iscritti.

La partecipazione all’incontro nella sede del Consiglio regionale invece, come sempre, è libera e gratuita, non necessita di prenotazione e comprende il percorso espositivo delle tre mostre in corso.

“Teatri di Puglia: Il miglio dei teatri di Bari”, è un progetto ideato e realizzato dalla Teca del Mediterraneo – Biblioteca del Consiglio regionale della Puglia, che, partendo dalla valorizzazione degli archivi, pone l’attenzione sui teatri di Puglia. Questa prima edizione del 2023 parte dai teatri di Bari e si propone di far riscoprire la storia dei palcoscenici degli anni Venti del Novecento, quando il capoluogo pugliese era famoso in tutta Italia per la sua fervente attività teatrale.

                        

Sono previsti diversi incontri in cui esperti e studiosi approfondiscono gli aspetti storici, archivistici, architettonici e artistici dei dieci teatri del cosiddetto “miglio” (il nome deriva dalla breve distanza, che intercorreva tra l’uno e l’altro nei quartieri Murattiano, Madonnella e Libertà della città di Bari).

Il progetto “Teatri di Puglia: Il Miglio dei Teatri di Bari” è realizzato dalla Teca del Mediterraneo – Biblioteca del Consiglio regionale della Puglia, con il supporto di  Maria Pia Pontrelli, ispettore onorario della Soprintendenza Archivistica della Puglia, in collaborazione con la Cooperativa Socioculturale, il Comune di Bari, la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Puglia, la Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli, l’Ipsaic, il Dipartimento Turismo, Economia della cultura, Valorizzazione del territorio della Regione Puglia, il Teatro Pubblico Pugliese.

Agli studenti del corso di laurea DAMS e Scienze dello Spettacolo dell’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari, è riconosciuto un credito formativo per la partecipazione alla rassegna.

L’evento sarà anche trasmesso in diretta sulla pagina Facebook della biblioteca al seguente Link: https://www.facebook.com/BibliotecaConsiglioRegPugliaTecadelMediterraneo

Tre esposizioni arricchiscono la rassegna, nella sede della biblioteca in via Gentile 52, a Bari.

La mostra di locandine originali di spettacoli messi in scena negli Anni Venti del Novecento dai teatri presentati nella rassegna, che fanno parte della Collezione Michele Montrone; la mostra “Anteprima. Un progetto sugli archivi teatrali otto-novecenteschi in Puglia” realizzata nel 2011 dalla Soprintendenza Archivistica della Puglia; alcuni plastici della mostra “Lo spazio del sogno – I teatri nel teatro” del 2015.

L’intera iniziativa intende attirare l’attenzione del pubblico sui fondi archivistici posseduti dalla biblioteca. La Sezione Arte e Spettacolo, all’interno del catalogo della Teca del Mediterraneo, è costituita da una collezione di fondi acquisiti da varie fonti, pubbliche e private, che contribuiscono alla costruzione di una memoria sulla storia dello spettacolo in Puglia, fruibili da parte del pubblico e consultabili anche on line in quanto tutti catalogati.
La Sezione valorizza e promuove il patrimonio dell’identità regionale nel campo dello spettacolo, mediante la catalogazione e digitalizzazione dei vari fondi biblio-documentali. Numerosi sono i fondi privati derivanti da donazioni gratuite.

Collezione Michele Montrone

La Collezione Michele Montrone è composta da 165 locandine teatrali e cinematografiche di sala degli anni tra il 1924 e il 1934, che documentano l’intensa attività dei teatri e dei cinema di Bari, aperti e operanti in quegli anni ed è un’importante testimonianza di storia sociale e culturale.

La collezione Montrone ha ricevuto la “dichiarazione di bene di interesse culturale”, protocollo n. 10283 del 29/10/2010, decreto n. 263 del 09/12/2010 dal MiBAC Ministero Beni Artistici e Culturali attraverso la Soprintendenza Archivistica della Puglia, che ne ha voluto e curato anche la digitalizzazione.

In Puglia la collezione Montrone è finora considerata la più antica, tra quelle dichiarate d’interesse culturale dal MiBAC.

Le locandine sono esempi di comunicazione grafica e architettura tipografica, un nuovo mezzo di comunicazione di cui Michele Montrone intuì la grandezza. Questi documenti, esaurita la funzione strettamente informativa, che esercitavano al momento in cui sono stati affissi, diventano oggi i testimoni di un’epoca, grazie alla straordinaria costanza del collezionista. In questa esposizione sono presenti 26 locandine originali scelte considerando quelle relativa ai teatri/cinema di Bari anni ‘20-’30 ricompresi nel miglio, senza duplicare quelli già riprodotti nell’altra mostra, cercando di rappresentare un po’ tutti i generi di “spettacolo dal vivo” e spettacolo cinematografico dal 1924 al 1933, e la valutazione estetica e contenutistica del documento cartaceo.

Michele Montrone (Bari, 1908-1995) comincia da giovanissimo a raccogliere e collezionare le locandine teatrali di sala. Nasce così il suo interesse e la sua passione per lo “spettacolo dal vivo” e inizia a frequentare i teatri baresi, dove si fa notare dai gestori teatrali del tempo, che gli propongono di entrare nella claque di Bari. L’hobby e la passione di Michele Montrone diventano, attraverso queste locandine, patrimonio collettivo di storia e di cultura.

Mostra “Anteprima, un progetto sugli archivi teatrali otto-novecenteschi in Puglia”

I pannelli in mostra riproducono alcune locandine della Collezione Montrone e sono stati utilizzati in altre occasioni espositive a partire dalla mostra “Anteprima, un progetto sugli archivi teatrali otto-novecenteschi in Puglia”, tenutasi a Bari presso la sede della Soprintendenza Archivistica per la Puglia nel 2011, curata da Maria Pia Pontrelli, allora funzionario della Soprintendenza Archivistica della Puglia.

Mostra “Lo spazio del sogno – I teatri nel teatro”

Sono esposti alcuni plastici che fanno parte della mostra “Lo spazio del sogno – I teatri nel teatro” curata da Maria Leonia Fischetti, Annamaria Lorusso, Emilia Pellegrino e Michele Maielli, e allestita per la prima volta a Bari, nel teatro Margherita, dal 16 aprile al 14 maggio 2015.

Il materiale espositivo è frutto delle ricerche e della produzione degli allievi del corso di “Scenotecnica” tenuto da Maria Leonia Fischetti presso l’Accademia di Belle Arti di Bari, durante i vari anni accademici, integrata dagli allievi di Michele Maielli, docente di “Scenografia” presso la stessa Accademia.

La mostra, itinerante, documenta, attraverso ricerche di archivio, rilievi, disegni, bozzetti, scenari, macchine sceniche, l’attenzione che, da sempre, l’Accademia di Belle Arti ha rivolto alle strutture teatrali, con l’ottica, che oltre ad argomenti di studio, ricerca, elaborazione e progetto didattico, esse possono e devono diventare sempre più spazi operativi.

Le esposizioni sono visitabili dal lunedì al giovedì dalle 9.00 alle 19,30.

La rassegna e le mostre sono a cura della Sezione Biblioteca e Comunicazione Istituzionale del Consiglio regionale della Puglia

News dal Network

Promo