Presentati il brano e il video de “L’assassina barese” di Quadraccio&BariBanda

Da mercoledì 10 gennaio è disponibile su tutte le piattaforme online musicali il nuovo singolo  “L’assassina barese” di Quadraccio&BariBanda, un inno al celebre piatto della cucina barese, che  sta spopolando in questi ultimi anni, che punta a valorizzare una delle principali attrattive  gastronomiche del territorio attraverso la musica e l’arte in generale. 

Il progetto, costituito dal brano musicale e dal videoclip, è stato presentato il 10 gennaio da Urban –  assassineria urbana di Bari, alla presenza di Tony Quadrello, autore e voce del brano, Antonio  Palumbo regista del video, dello chef Celso Laforgia e di varie figure istituzionali del Comune di Bari.

“ Gli spaghetti all’assassina – spiega Quadrello – attualmente rappresentano il nuovo simbolo di baresità. Prima ci rappresentavano le orecchiette con le cime di rape e patate riso e cozze, oggi questo piatto è “il nuovo che avanza” e secondo me, metaforicamente parlando. ci rappresentano molto, presentano un po’ la nostra capacità di cambiare pelle rimanendo noi stessi, quindi piccanti

e ardenti ma anche passionali, come tutta la gente del Sud d’Italia ma anche sul Sud Europa e Sud del mondo”. 

Il brano è scritto da Tony Quadrello, che dà voce allo stesso, insieme alla cantante Graziana” Jana Campanella”. A completare la line up di musicisti ci sono Luigi Patruno (che ha arrangiato il brano) alle tastiere, Vince Abbracciante alla fisarmonica, Beppe Sequestro al basso, Michele Errico alle chitarre e Lorenzo Cellamare alla batteria. Una band, appunto BariBanda, composta da importanti nomi della scena musicale locale, noti su tutto il territorio nazionale. Durante la presentazione del progetto, non è mancato un momento live, nel quale Quadrello con alcuni dei musicisti che hanno partecipato alla realizzazione del brano ha dato un assaggio della sua “L’assassina barese”.

«Nella mia canzone, l’assassina diviene una bambina dai capelli rossi che nasce tra i vicoli del borgo antico, diversa e speciale. Lei incute timore per la sua diversità che diventa poi un elemento di riscatto, come il piatto del resto, che spaventa perché è un po’ bruciacchiato e piccante, invece, al palato poi si rivela buonissimo».

Centrale nel progetto è anche il videoclip, realizzato da Antonio Palumbo, affermato regista a livello nazionale, che ancora una volta si è prestato a raccontare un tassello importante del mosaico della città nella quale è nato. Protagonista del lavoro è la giovane attrice Giada Caricola e la sua chioma rossa, esaltata dalla semplicità della veste bianca con la quale appare all’inizio del video.

News dal Network

Promo