A Napoli la riunione d’insediamento dell’Osservatorio Provinciale sull’usura

Si è svolta in mattinata in prefettura a Napoli la riunione di insediamento dell’Osservatorio provinciale sul fenomeno dell’usura, organismo previsto dall’Accordo quadro per la prevenzione e il contrasto del fenomeno dell’usura, sottoscritto lo scorso primo febbraio, tra Prefettura e Abi regione Campania.

La riunione, convocata dal prefetto del capoluogo campano Michele di Bari, si è svolta alla presenza del Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura Maria Grazia Nicolò. L’Osservatorio svolge – tra l’altro – con la partecipazione attiva degli Enti sottoscrittori, attività di promozione e di informazione sull’utilizzo dei Fondi di prevenzione, finalizzata anche all’inclusione sociale e finanziaria delle fasce vulnerabili della popolazione, in particolare microimprese e famiglie in momentanea difficoltà, nonchè studio e proposta di misure di contrasto ai reati di usura.

In occasione dell’incontro, al quale hanno partecipato i rappresentanti della Banca d’Italia, dell’Abi e delle forze dell’ordine, nonché numerose Associazioni e Fondazioni antiusura, sono stati esaminati i dati relativi al monitoraggio del fenomeno, al fine della formulazione di un quadro esaustivo sulla sua configurazione ed entità, prodromico alla proposizione di misure di prevenzione. E’ stato concordato di convocare un prossimo incontro, allargato anche alle associazioni di categoria degli operatori economici, con lo scopo di diffondere informazioni sugli strumenti di tutela a garanzia dei soggetti potenzialmente esposti all’usura.

Seguiranno altre riunioni di carattere tematico, che coinvolgeranno altri interlocutori qualificati, quali l’Ufficio scolastico regionale, per la promozione di iniziative di educazione finanziaria presso le scuole, i Servizi sociali dei Comuni dell’area metropolitana nonchè le organizzazioni ecclesiastiche e del terzo settore per svolgere opera di sensibilizzazione. Inoltre sarà istituito un Gruppo tecnico per l’analisi dei dati relativi alle richieste di accesso al Fondo dedicato, messo a disposizione del ministero dell’Economia e delle Finanze, per lo studio di problematiche comuni alle diverse categorie dei soggetti esposti all’usura. Infine, si è convenuto sulla necessità di rafforzare la rete informativa degli strumenti di tutela anche attraverso una mirata campagna di sensibilizzazione, attuata con specifiche iniziative sul territorio.

News dal Network

Promo