UN LIBRO CONTRO LE MAFIE

In occasione del 21 marzo, Giornata in ricordo delle vittime innocenti di mafia, la nostra scuola, insieme all’associazione Antonino Caponnetto ha dato la possibilità a noi ragazzi di leggere in classe il libro “ Salvo e le mafie” di Riccardo Guido. Il protagonista di questo racconto è Salvo, il figlio adolescente di un collaboratore di giustizia.  l’autore ci  racconta questa vicenda  attraverso immagini e fumetti di facile comprensione. Il libro tratta l’evolversi delle mafie partendo dal bisnonno del protagonista che era un campiere, fino ad arrivare al padre che si occupava del riciclaggio dei soldi in banca. leggendo il libro possiamo capire come le mafie abbiano acquistato potenza e come si possa ruscire a sconfiggerle grazie all’operato di uomini dello Stato come  Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e dei i loro collaboratori del pool antimafia creato proprio per contrastare la criminalità organizzata.

La storia della famiglia di Salvo parte dai primi del Novecento con il bisnonno che si avvicina alla mafia alla giovane età di sedici anni; il nonno segue le orme di suo padre ma rafforza i rapporti con la mafia statunitense e porta Cosa Nostra fino a Milano grazie al traffico di droga; il padre viene cresciuto con l’idea che appartenere a Cosa Nostra sia una cosa di cui andare fieri ma con il tempo comprende i suo errori anche grazie alle numerose manifestazioni in difesa della legalità che nel decennio delle stragi vengono organizzate e capisce che vuole cambiare vita e proprio pensando alla gravidanza della moglie  e decide di diventare collaboratore di giustizia  per offrire al proprio figlio un futuro migliore.  Intanto Salvo nasce e gli viene raccontata dal padre tutta la loro  storia e capisce che, proprio grazie alla scelta effettuata dal padre, egli  potrà  crescere libero e immaginarsi un futuro diverso da quello del padre e del nonno.

 Il libro riesce a raccontare con immagini semplici ed efficaci la continua lotta contro le mafie da partedello Stato, un argomento purtroppo sempre attuale, fornendo  un utilissimo spunto di riflessione per tutti noi e ci fa  comprendere come a volte, se si allenta la guardia, anche noi possiamo assumere alcuni  atteggiamenti che possano essere affini a quelli adoperati  nelle cosche   mafiose .

Elisa Gargiulo  2B “IC De Amicis Laterza Monte San Michele” Bari 

News dal Network

Promo