Salvini a Bari: “A giorni il candidato del centrodestra”

«La legge salva casa non c’entra nulla con il Superbonus e non c’entra con le ville abusive».

Lo ha detto il ministro dei Trasporti e vicepremier, Matteo Salvini, a Bari. A chi gli chiedeva un commento sulle parole del segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, che rispetto alla norma ha parlato di “marchetta elettorale”, Salvini ha risposto che «la legge salva casa riguarda milioni di famiglie che per piccole difformità interne alle abitazioni, magari ereditate dai nonni o dai genitori, non sono pienamente proprietari del loro appartamento perché non lo possono vendere e rogitare». 

«Stiamo parlando – ha precisato Salvini – di venti centimetri per una finestra, di un anti bagno, di un soppalco, della cameretta del bimbo o di una veranda. E riguarda milioni, non di villoni, perché se qualcuno si è costruito la villa in una zona sismica o protetta va abbattuta, ma piccole irregolarità che stanno bloccando milioni di appartamenti in tutta Italia e quindi è un’opera di giustizia e di equità».  (ansa)

News dal Network

Promo