Mafia: Bari, estorsioni e incendi al porticciolo di Santo Spirito, 4 arresti

Un sistema estorsivo ai danni dei titolari delle imbarcazioni ormeggiate nel porto di “Santo Spirito”, destinatari di richieste di denaro mensili. E’ quanto hanno scoperto i carabinieri della compagnia ‘San Paolo’ di Bari nel corso di una inchiesta coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica del capoluogo pugliese.

I militari stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare a carico di 4 indagati, ritenuti responsabili dei reati di ‘estorsione continuata aggravata in concorso’ e ‘incendio aggravato’, entrambi con l’aggravante del metodo mafioso, nonché ‘occupazione abusiva di spazio demaniale’.

Maggiori dettagli sull’operazione saranno forniti nel corso della conferenza stampa, che si terrà nella sede della Procura della Repubblica, alle 10.30, con la partecipazione del procuratore della Repubblica di Bari e del procuratore aggiunto.

News dal Network

Promo