Bari, la Polizia di Stato arresta elemento di spicco del clan Strisciuglio di Carbonara

Nel pomeriggio di venerdì 19 aprile 2024, gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Bari hanno tratto in arresto e tradotto in carcere, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Bari, su richiesta di questa Direzione Distrettuale Antimafia, un pregiudicato 44enne, esponente di spicco dell’articolazione del clan mafioso “Strisciuglio”, operativa nel quartiere Carbonara di Bari.

Con la doverosa premessa che si tratta di accertamenti compiuti nella fase delle indagini preliminari, che necessitano della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa, il predetto risponde dei reati di detenzione e porto illegali di arma da fuoco e violazione delle prescrizioni imposte con al sorveglianza speciale di p.s., il tutto aggravato dal metodo mafioso.

Secondo una prima ricostruzione, i fatti risalgono alla serata del del 25 agosto 2023, dove, nella piazza centrale del quartiere Carbonara di Bari, sovraffollata per il concerto di un gruppo musicale, furono esplosi tre colpi di arma da fuoco, calibro 9 mm, che fortunatamente non colpirono nessuno.

Le indagini dirette da questa Direzione Distrettuale Antimafia e svolte dalla Squadra Mobile di Bari, hanno consentito di ricostruire ciò che effettivamente è accaduto quella sera: l’uomo tratto in arresto in data odierna era seduto sugli scalini di uno stabile della piazza Umberto I°; fu raggiunto in moto da un altro storico componente del citato sodalizio mafioso, 54enne, con il quale aveva avuto un pregresso litigio, per cause non ancora chiarite. Dopo un breve scambio di parole, l’uomo giunto in moto, senza scendere dal mezzo di trasporto, estraeva una pistola ma non aveva il tempo di puntarla al contendente, che gli saltava addosso, facendolo cadere.

A quel punto, l’uomo in moto, da terra, puntava l’arma nei confronti dell’avversario, esplodendo tre colpi di arma da fuoco, senza colpirlo. Il destinatario dell’azione di fuoco, a sua volta, mentre si allontanava in corsa, estraeva la propria pistola e la puntava all’indirizzo dell’attentatore, senza sparare, per poi dileguarsi.

Va ribadito che tutto ciò è accaduto in un luogo affollato, in piena estate, ingenerando nei presenti intimidazione e paura, e mettendo in fuga coloro che si trovavano nelle vicinanze, comprese due bambine in bicicletta.  

Il provvedimento cautelare è stato eseguito nei confronti solo di uno degli esponenti del clan “Strisciuglio”, perché il 54enne alla guida della moto, al momento del fatto, è nel frattempo deceduto per cause naturali.

È importante sottolineare che il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e che, all’esecuzione della misura cautelare odierna, seguirà l’interrogatorio di garanzia e il confronto con la difesa degli indagati, la cui eventuale colpevolezza, in ordine ai reati contestati, dovrà essere accertata in sede di processo, nel contraddittorio tra le parti.

News dal Network

Promo