Calcio Bari, Decaro duro contro De Laurentiis: «Non ama la città. Non vogliamo più essere umiliati, che venda»

A poco dalla partita più importante della stagione, il mondo Bari viene nuovamente sconvolto da delle dichiarazioni poco consone del presidente Aurelio De Laurentiis. Le parole del patron azzurro espresse in Senato hanno turbato gli animi del popolo biancorosso:

«A noi non è stata data la possibilità di detenere due gruppi di calcio in campionati diversi, cosa che dovrebbe essere possibile perché lo fa il City Group.Grazie a un mio intervento questa cosa è stata limitata fino al 2028. Cosa farà quella società (il Bari ndr)? Una volta che la famiglia De Laurentiis si sarà stancata e sarà probabilmente uscita di scena nel 2028, perché prima non se ne parla, se non viene modificata la legge? Sarà destinata a rimanere dov’è o a fallire. A meno che ci siano gruppi stranieri o italiani che possano intervenire poderosamente».

In risposta a queste esternazioni poco felici, è intervenuto il sindaco di Bari Antonio Decaro. Già in passato il primo cittadino aveva fermamente preso le distanze e criticato quanto detto da De Laurentiis e non ha mancato di farlo anche questa volta:

«Talvolta le parole di Aurelio De Laurentiis sono così fuori tempo e fuori luogo che ci si chiede se a parlare sia lui o il suo imitatore Max Giusti. Alla vigilia di una partita che chiamare delicata è un eufemismo, ragiona (anzi, sragiona) evocando scenari futuri come il fallimento del Bari calcio o la condanna a rimanere in un campionato minore fino al 2028. Abbiamo chiesto, in passato, le scuse di Aurelio De Laurentiis. Questa volta non basteranno. Ci aspettiamo che la Filmauro provveda immediatamente, qualunque sia l’esito della partita di domani, a intavolare serie trattative per non rimandare un passaggio di proprietà che sembra ormai l’unica via d’uscita da una situazione diventata ingestibile, sotto tutti i punti di vista. Quanto a noi tifosi baresi, preferiamo fallire di nuovo che essere costantemente umiliati da un proprietario che ha dimostrato di non amare questa squadra e questa città. Forza Bari, sempre».

Photo: ANSA

News dal Network

Promo