Perché non ti sposi? Dialogando e divagando su famiglia e matrimonio con una ragazza su un treno alla Laterza

I giovani che vivono oggi in Italia hanno una propensione a sposarsi molto inferiore rispetto a quella dei loro genitori. Il  matrimonial rate – cioè il numero di matrimoni celebrati in un anno in rapporto al numero di abitanti – in Italia è fra i più bassi del mondo. A partire da questo dato di fatto, ci faremo due domande. Che cosa tiene lontani dal matrimonio i giovani che vivono in Italia? La diminuita propensione al matrimonio è un problema oppure è un segno dei tempi che non suscita particolari preoccupazioni? Proveremo a rispondere con gli strumenti del giurista e raggiungeremo una conclusione: i giovani non si sposano perché il matrimonio in Italia non produce più effetti giuridici particolarmente rilevanti e quelli che produce non paiono affatto interessanti. Ci faremo guidare da sei personaggi: la protagonista è una ragazza incontrata su un treno, poi ci sono la signora dell’orata al sale, San Martino, Bella figlia di Marwan ha-Seniri, un bravo studente e una signora milanese che vive guardando gli alberi della sua terrazza.

L’autore

Carlo Rimini è professore ordinario di Diritto Privato nel Dipartimento di Studi Internazionali, Giuridici e Storico-Politici dell’Università degli Studi di Milano ed è professore di Diritto di Famiglia all’Università di Pavia. È avvocato e giornalista pubblicista.

News dal Network

Promo