Calcio Bari, quando la politica scende in campo: i Sindaci a lavoro sul futuro dei biancorossi e dello stadio

Argomento di elezioni, e non poteva essere da meno, anche il tema Bari. Il calcio è uno dei pensieri primari di un qualsiasi votante e per questo motivo tutti gli aspiranti sindaci hanno parlato del futuro dei biancorossi e dello stadio San Nicola. A margine di un confronto con Confindustria, Vito Leccese (Pd, Verdi), Michele Laforgia (M5s e Sinistra italiana) e Fabio Romito (centrodestra unito) sono stati interpellati dai cronisti. In primis il candidato del M5s e Sinistra italiana: 

«E’ un tema che dobbiamo affrontare perché anche il calcio è una industria e la partecipazione dell’amministrazione comunale e anche il conferimento di beni pubblici – lo stadio è un bene pubblico – non può che essere regolato e controllato politicamente. Quindi è sicuramente un tema, indipendentemente dal tifo. Io penso che un sindaco non debba fare il tifoso ma deve sicuramente amministrare i beni pubblici nell’interesse della città. E una squadra di calcio è un bene di tutta la città».



Anche il candidato del centrodestra unito è intervenuto: 

«Si devono fare, anche rispetto al calcio a Bari, molte riflessioni. L’attuale proprietà ha avuto dal Comune di Bari delle condizioni di straordinario favore. Non pagano lo stadio, glielo abbiamo ristrutturato con soldi pubblici presi a prestito, quindi i baresi pagheranno anche gli interessi. Lo stadio è un bene di tutti i baresi ma un privato non può prendere dalla città, dai tifosi, dall’amministrazione comunale e non investire nella squadra. E’ un comportamento inaccettabile, Bari ha la necessità di guardare oltre l’attuale proprietà».



Infine, anche il candidato del Pd:

«Bisognerà lavorare perché il Bari possa ambire a mete più ambiziose e soprattutto dovremo rinegoziare la concessione dell’utilizzo dello stadio San Nicola con la proprietà, rivederla completamente. Perché credo che la città di Bari, che ha fatto tanti investimenti per migliorare quell’impianto sportivo, debba pretendere molto di più».

Photo: ANSA

News dal Network

Promo