Calcio Bari, Di Cesare fiero per aver ricevuto le chiavi della città: «Un grandissimo onore. Il Bari prima di tutto »

Valori e tanto amore da parte dell’ex capitano del Bari, Valerio Di Cesare. Un impegno e un sacrificio ripagati non solo dall’affetto della gente ma anche dalla consegna delle chiavi della città da parte del sindaco Antonio Decaro. Queste le parole del primo cittadino alla cerimonia tenutasi a Palazzo di Città:

«Sono felice e orgoglioso di consegnare le chiavi della città a Valerio Di Cesare, che per Bari non è soltanto un grandissimo calciatore ma rappresenta, in modo plastico, l’identificazione totale di un uomo con un’intera comunità. Valerio è stato uno straordinario difensore, tempista, tenace, intelligente, ma anche un incredibile goleador. Ha segnato di destro e di sinistro, al volo e di controbalzo, dopo grandi galoppate o con stacchi imperiosi. E ha segnato in una finale, a 41 anni, con una strepitosa semirovesciata, una prodezza che a molti suoi coetanei non riuscirebbe più nemmeno sul bagnasciuga. Ma di Di Cesare, più dei gesti tecnici, quello che ricorderemo è l’enorme amore che ha provato e prova non solo per la squadra ma per l’intera città. L’amore di chi nel 2018, in serie D, rifiutò chissà quante offerte e quanto più remunerative, per sancire un vero e proprio matrimonio con la città di Bari. Che si giocasse nei campi disastrati dei dilettanti, davanti a poche decine di tifosi oppure in un San Nicola scintillante con sessantamila spettatori, per il Capitano non ha mai fatto differenza. La professionalità, la grinta, la leadership, la caparbietà, lo spirito guerriero sono sempre stati gli stessi, anno dopo anno, partita dopo partita. È per questo che Valerio Di Cesare è diventato a pieno titolo un simbolo di Bari. Ed è per questo che i baresi, con il riconoscimento delle chiavi della città, intendono suggellare per sempre l’affetto e la gratitudine per il loro eterno Capitano».

Questo il testo che accompagna il momento della consegna delle chiavi: “A Valerio Di Cesare, capitano del Bari, che con la sua tenacia e generosità è diventato non solo il leader della squadra biancorossa ma anche il simbolo di un’intera comunità. Le chiavi della città sono il suggello dell’affetto e della gratitudine dei baresi per un atleta che ha anteposto l’amore per la maglia ad altri traguardi, guidando con carisma i suoi compagni nelle ultime stagioni. Con affetto e riconoscenza. Il Sindaco di Bari”.




Al termine della cerimonia anche il premiato ex capitano biancorosso ha voluto esprimere i suoi ringraziamenti:

«Sono molto onorato di ricevere questo riconoscimento dal sindaco Decaro, una persona che stimo moltissimo per ciò che è riuscito a fare in questi anni a Bari. Ormai sono otto anni che vivo qui con la mia famiglia, i miei figli sono cresciuti a Bari dove ho vissuto di tutto. Qui ho gioito, ho pianto e sono cresciuto come uomo. A prescindere dal fatto che purtroppo ho smesso di giocare a calcio, posso assicurare che metterò sempre Bari davanti a tutto, come ho sempre fatto in questi ultimi anni. Mi auguro un giorno, il più presto possibile, di poter regalare a questa meravigliosa piazza il sogno che merita. Per me Bari è casa: in questi anni l’ho vista crescere in modo esponenziale e, di Bari, io e la mia famiglia siamo innamorati. Ringrazio tutti voi per ciò che mi avete sempre dato. Per me è davvero un onore ricevere le chiavi della città».




News dal Network

Promo