“La memoria del mare”: grande successo a Bari per la IV edizione di Lungomare di libri

 Per il quarto anno consecutivo Lungomare di libri, che si è svolto dal 5 al 7 luglio sul tema “La memoria del mare”, ha trasformato il capoluogo pugliese in una grande libreria a cielo aperto e in un crocevia di incontri con autrici e autori, con la Muraglia animata dalle 26 casette dei librai del territorio di Bari. 

Tantissimi gli ospiti che si sono avvicendati nei vari appuntamenti, che hanno fatto segnare tutti una straordinaria partecipazione di pubblico e vendite di libri, attraendo non solo lettrici e lettori pugliesi, ma anche turisti, affascinati dal fermento culturale che ha caratterizzato anche questa edizione, consolidando ulteriormente la collaborazione tra il Salone Internazionale del Libro di Torino, la Città di Bari, i Presìdi del Libro, la Regione Puglia, i librai di Bari e provincia e gli editori pugliesi.

Per tre giorni, da pomeriggio a sera inoltrata, si sono alternati lezioni magistrali, presentazioni editoriali di romanzi e saggi, reading, momenti di approfondimento, attività per bambine e bambini e consigli di lettura. Tra gli ospiti di questa edizione ricordiamo: Annalisa Camilli, Björn Larsson, Silvio Perrella, Emanuele Aldovrandi, Saba Anglana, Luca Bizzarri, Cristina Cassar Scalia, Filippo Ceccarelli, Francesco Carofiglio, Vittoria Facchini, Gabriella Genisi, Lorenza Gentile, Marcello Introna, Andrea Piva, Alessandro Vanoli, Antonella Viola.

Cornice della manifestazione, la mostra dell’illustratore Armin Greder con le tavole dei libri Isola e Mediterraneo(editi da Orecchio Acerbo), allestita nel Museo Civico e visitabile fino al 14 luglio, e la presentazione dell’installazione permanente e del catalogo Agnese Purgatorio. Oasi ci attendono alle soglie del mare, nel Museo Archeologico di Santa Scolastica.

«Lungomare di libri alla sua quarta edizione, quest’anno con il tema della “Memoria del mare”, ha celebrato a Bari tutta la sua felicità adriatica – ha commentato l’assessora alle Culture e Turismo Ines Pierucci -. Nell’alfabeto dei mari del mondo il Mediterraneo, di cui oggi ricorre la giornata mondiale, è quello a noi più vicino qui nella parte adriatica che dà la mano a quella tirrenica. La grammatica del mare e il glossario nautico accompagnano ogni giorno il nostro linguaggio quando affrontiamo la tragica attualità e gli orrendi abissi, quando parliamo di viaggi, di porti sicuri, di approdi e di ancore di salvezza che in questi giorni e in questi anni a Bari abbiamo provato a interrogarci su come potessero essere ancore di saggezza, di cambiamenti, di direzioni agogiche. Abbiamo navigato a ritmo di cultura, abbiamo letto i libri ma non tutti quelli che avremmo voluto leggere. Parafrasando Hikmet, come il più bello dei mari è quello che non navigammo, il più bello dei progetti non è ancora cresciuto e quello di più bello che vorremmo dire non l’abbiamo ancora detto. Ognuno di noi dovrebbe avere la propria biblioteca del mare, a cui da ieri si aggiungono i libri di questo Lungomare, realizzato grazie al Salone del libro, alla Regione Puglia e ai Presìdi del libro che ringrazio e a cui auguro il migliore degli orizzonti e dei mari le cui migrazioni abbraccino i confini del mondo e benedicano le nostre anime».

«È stata un’edizione davvero entusiasmante, che ha dimostrato, se mai ce ne fosse stato bisogno, la straordinaria potenzialità di una manifestazione unica nel suo genere, che non potrà che crescere negli anni a venire – ha dichiarato Marco Pautasso, segretario generale del Salone Internazionale del Libro di Torino -. La coalizione virtuosa che unisce le librerie di Bari e del territorio, gli editori pugliesi, la Città di Bari, il Salone Internazionale del Libro di Torino, i Presìdi del libro e la Regione Puglia ha reso possibile una manifestazione di promozione del libro e della lettura che non ha eguali e che trae la sua fonte ispirazionale dalla nostra esperienza torinese di Portici di Carta. Abbiamo colorato il mare con bambini, bambine e famiglie, abbiamo assistito a grandi lezioni sul tema del mare in letteratura e in poesia, ma anche ascoltato le analisi sulle grandi tragedie che continuano ad accadere nel Mediterraneo. Siamo stati in compagnia di autrici e autori che con i loro temi ci hanno fatto riflettere sul presente e sulla nostra memoria, ma anche viaggiare con la fantasia ed esplorare il terreno delicato dei sentimenti e delle relazioni. Una grande edizione che ha raccolto attorno al libro lettrici, lettori e turisti».

«Come tutti gli anni in chiusura della manifestazione passo a salutare e a chiedere un commento alle colleghe e ai colleghi – ha sottolineato Rocco Pinto, libraio coordinatore librerie Lungomare di libri -. Le risposte sono state tutte positive e propositive. Per tre giorni ci sentiamo protagonisti portando i libri in riva al mare e incontriamo non solo i baresi ma anche chi viene a visitare la città, compresi tanti stranieri. “Ci muoviamo tra una casetta e l’altra e ci conosciamo meglio” – è il commento di un collega. La parola d’ordine quindi è “condivisione”. Una libraia parlando di assortimento mi ha detto “noi siamo i libri che portiamo”. È bello per tre giorni vestire la muraglia di libri e poi sfilare mettendoci la faccia. Molte librerie hanno animato con laboratori, gruppi di lettura e giochi. Insomma tre giorni sul mare, ora vi aspettiamo nelle nostre librerie».

Lungomare di libri è un progetto di promozione del libro e della lettura, ispirato alla fortunata formula di Portici di Carta a Torino, che passa attraverso la promozione turistica dei centri storici cittadini e il coinvolgimento delle fertili realtà territoriali della filiera editoriale, come le librerie indipendenti, le biblioteche e gli editori locali.

La quarta edizione di Lungomare di libri è promossa dal Comune di Bari -Assessorato alle Culture e dall’Associazione I Presìdi del libro, con il sostegno della Regione Puglia – Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio, ed è organizzata dal Salone Internazionale del Libro di Torino, insieme ai librai di Bari e provincia, alle case editrici pugliesi con l’organizzazione dell’APE-Associazione Pugliese Editori.

News dal Network

Promo