Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

“Operazione Rodolfo”: 3 arresti per estorsione con metodo mafioso

81 Visite

La Squadra Mobile di Foggia e il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria – G.I.C.O. di Bari, in collaborazione con il Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza, hanno eseguito un “ordine di carcerazione”, emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Bari, nei confronti di:

  1. A.V.P., alias “capantica”, classe 1952, storico capo della batteria mafiosa “MORETTI-PELLEGRINO”, condannato a scontare la pena residua di anni 6, mesi 7 e giorni 26 di reclusione;
  2. G.R., classe 1980, fiduciario del boss PELLEGRINO, condannato a scontare la pena residua di anni 3 e mesi 6 di reclusione;
  3. G.C., classe 1975, fiduciaria del boss FRANCAVILLA, condannata a scontare la pena residua di anni 3, mesi 1 e giorni 15 di reclusione.

È questo il risultato delle complesse investigazioni coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, iniziate il 4 aprile 2016, che avevano dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali emessa dal  G.I.P. del Tribunale di Bari nei confronti di 11 persone vicine alle “batterie” mafiose della Società Foggiana “MORETTI – PELLEGRINO” e “SINESI – FRANCAVILLA”. In tale circostanza, le Fiamme Gialle eseguirono il sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, di beni immobili e mobili nella disponibilità degli indagati per un valore complessivo stimato di oltre 700.000 euro.

Le estorsioni riscontrate, per le quali i personaggi condannati in via definitiva hanno svolto un ruolo di primo piano, hanno riguardato non solo la forzata elargizione mensile di somme di denaro a vantaggio dei “vertici” delle cosche, ma anche l’assunzione di soggetti “vicini” alle compagini malavitose che – pur percependo regolarmente lo stipendio mensile – non svolgevano, di fatto, alcuna attività lavorativa.

Le indagini hanno permesso di accertare che i due gruppi mafiosi assoggettavano, con metodo mafioso, gli imprenditori operanti nel settore della produzione e trasformazione alimentare dei prodotti dell’agricoltura.

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo