Il Terminal Crociere ospita il Festival della Pace

Festival della Pace

BARI (Italia), dal 16 al 30 Luglio 2020, dalle 10:00 alle 20:00, Salone Autorità del Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale – Terminal Crociere, Porto di Bari.

la Stargate Universal Service OdV presieduta da Mariella Ragnini, in collaborazione con il Club per l’UNESCO di Bisceglie – Presidente Pina Catino, hanno organizzato la IX edizione del Festival della Pace attraverso la Cultura “Il Tempo è Arte non è Denaro. La Rinascita della Terra attraverso l’Arte, la Scienza e la Spiritualità come nuovo Modello Sociale“,

​ La IX Ed. del Festival si è aperta con la Mostra ​ collettiva “Luce e Colori d’estate”, giovedì 16 Luglio ​ inaugurata ​ dalla madrina Irina Hale, artista anglo-russa che da oltre 50 anni vive in Puglia. In esposizione, le Opere d’arte di artisti nazionali e internazionali diverse e complementari tra loro, con un unico grande fine: promuovere la Cultura perché “dove c’è Cultura, c’è Pace… e dove c’è Pace c’è Cultura”, come sostiene Nicholas Roerich (1847 – 1947), ideatore del Patto di Pace, che porta il suo nome e, del Vessillo che ne è il simbolo. In Mostra due membri del Club per l’UNESCO di Bisceglie, il Cav Mino Miale di Turi- scenografo e la prof.ssa Assunta Fino di Cerignola. alla mostra è legato il concorso “Vota la Pace”; la premiazione si terrà Giovedì 30 Luglio, a conclusione del​ Festival con la consegna di attestati agli artisti e dei premi ai vincitori del concorso “Vota la Pace”.

​ A partire da venerdì 17 Luglio, sono iniziati​ gli incontri tematici. Ogni giorno, un incontro a tema su (AGENDA 2030 per i Cambiamenti Climatici e il Patrimonio Tangibile e Intangibile, Musica, Poesia, Danza, Teatro, Cinema, Sport), con la partecipazione di Associazioni, Fondazioni, Enti ed Aziende.

Giovedì 23 luglio presso il Salone Autorità del Mare Adriatico meridionale -Terminal Crociere, Porto di Bari , si è parlato di AGENDA 2030, una conversazione sul Dialogo interreligioso, con Pina Catino – Presidente Club per l’UNESCO di Bisceglie anche in veste di​Console Onorario della Rappresentanza Diplomatica Saperi e sapori d’Italia di​ Italia &Friends, nonché Direttore Scientifico Ambiente e Territorio​ dell’Accademia delle Culture e delle Scienze Internazionale, relativamente alla proiezione del suo Documentario MISTERI DELL’ANTICHITÀ Culti delle Acque e Mito del Sole, Scoperte archeologiche e intellettuali in Puglia dell’autrice e riscontri nei luoghi sacri del Mediterraneo (Malta, Egitto,Grecia, Turchia)

​ Il documentario tratto dal libro omonimo, Adda ed. che vanta tre edizioni, tradotto in Lingua Inglese, Francese e Spagnolo, con il prezioso corpus fotografico ed iconografico dell’autrice, è uno studio serio e profondo, che traccia un percorso accattivante ed inedito attraversò​ i segni che la nostra terra conserva, rivelandocene i segreti e i misteri​ senza trascurare le implicazioni di carattere​ storico e l’esame​geopolitici.

Durante la presentazione,​ Pina Catino ha sottolineato come la conoscenza delle vicende umane di chi prima di noi ha calcato questo suolo, sono l’ineludibile preludio​ a migliorare la nostra esistenza.

I cambiamenti climatici hanno determinato nel corso delle ere geologiche, le migrazioni degli esseri viventi, ma anche estinzioni di massa. Gli Antichi avevano ben presente la forza vitale dell’Acqua e del Sole che, rappresentando il principio di ogni forma di vita, sono stati oggetto di Culto presso tutte le civiltà. I relativi Culti sorsero in un periodo di grandi mutamenti climatici (Pleistocene), durante il quale, in tutti i continenti ci furono punte di pioggia e siccità molto più elevate di quelle che stiamo vivendo noi oggi. Fonti sacre, Acque lustrali, sorgenti miracolose, attraversano il vissuto dei popoli fin dai primordi. I

L’acqua e il sole erano considerati divinità misteriose, alle quali rivolgersi per sopravvivere, con potere di vita e di morte sugli esseri viventi. Ed è proprio nelle pietre che è racchiuso il loro mistero. Nasce la Storia delle Religioni.

È la religione della natura , quindi la musa ispiratrice di questo documentario, una religione antica quanto l’uomo che nelle forze della natura vedeva il principio che RE – LEGAVA (da cui “re-ligio” religione) tutte le cose.

E,in continuità con il tema sviluppato da Pina Catino, sabato 25 Luglio, è in programma il Giorno fuori dal Tempo,​ una ricorrenza che, secondo tradizioni tramandate nei secoli attraverso gli antichi Maya e Toltechi, ispira il rinnovamento e la rinascita in tutto il mondo, attraverso l’Arte, la Scienza e la Spiritualità.
Il Giorno fuori dal Tempo è un modo per sensibilizzare e promuovere la diversità culturale come patrimonio fondamentale per lo sviluppo umano, verso una cultura di Pace tra i cittadini del Mondo.

Martedì 28 luglio, per celebrare il decennio del ​ riconoscimento della Dieta Mediterranea, Patrimonio intangibile dell’Umanità UNESCO, sarà ​ presentato ​ il libro dell’acc. Nicolantonio Logoluso, “Gli antichi sapori della cucina biscegliese – tradizioni, Ricordi, Testimonianze” edito da SOMS Roma Intangibile e Comune di Bisceglie, con il Patrocinio del Club per l’UNESCO di Bisceglie. Fra i saluti, dott Sergio Salerno -Direttore dell’Ass. Antiche Pasticcerie Storiche di Bisceglie e, dott. Antonio Pistillo- Ambasciatore Saperi e Sapori d’Italia per Italia&Friends. ​

Promo