Bariseranews.it – Oltre la notizia

Non toccateci Babbo Natale. Anche se al Policlinico “l’aria è amara”

192 Visite

L’ironia, a volte, rappresenta la miglior medicina per pensare positivo. Così al Policlinico, dove le terapie intensive e le rianimazioni sono sold out e si allunga la fila di persone che arrivano in ospedale per la pandemia, qualcuno non ha perso il buon umore. A farne le spese Babbo Natale. Nonostante ci sia ancora tempo per le vacanze natalizie c’è chi ha pensato bene di ricordare al tradizionale personaggio che qui “l’aria è amara”. Ecco allora il pupazzo legato ad un palo, all’interno del più grande ospedale barese, con un eloquente cartello scritto in dialetto. Un invito alla prudenza, dovesse il virus privarci anche di Santa Claus. Naturalmente, questo non accadrà mai perché lui verrà, come ogni anno. Sarà solo costretto ad indossare la mascherina. Babbo Natale rappresenta la speranza per tutti noi e nessuno può impedirci di sognare un domani migliore. Intanto, ci avete strappato un sorriso e un momento di allegria. A proposito. Siccome le tradizioni vanno rispettate fino in fondo, scriviamo la letterina. Chiedendogli, magari il vaccino. Lui lo porterà. Se no, che razza di Babbo Natale sarebbe?

Promo