Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Sicurezza negli ospedali ASL: test molecolari periodici per gli operatori sanitari a tutela di personale e pazienti

219 Visite

La ASL di Bari ha aggiornato nei giorni scorsi il protocollo operativo anti contagio con una massiccia campagna di screening per il personale degli ospedali attraverso l’esecuzione di test molecolari che saranno ripetuti ogni 15 giorni nei centri Covid e ogni 30 giorni negli altri ospedali.

La sorveglianza sanitaria è partita dall’Ospedale San Paolo dove finora sono stati effettuati test molecolari ai dipendenti di 13 unità operative: Pronto soccorso, Rianimazione e Pneumologia, Sala operatoria e Gastroenterologia, Ginecologia e Ostetricia, Neonatologia e Pediatria, Cardiologia, Servizio immuno trasfusionale, Radiologia, Endoscopia digestiva, Medicina e Chirurgia.

Nei giorni scorsi sono stati effetuati i tamponi per il personale di Oncologia e del Laboratorio analisi. L’attività di tamponamento proseguirà con il personale dipendente della Neurologia e delle direzioni, sanitaria e amministrativa, per poi concludersi con i test agli operatori della Ortopedia.

“Questa attività di controllo preventiva può migliorare e dare più efficacia all’azione di contrasto per la circolazione del virus nei nostri ospedali e contenere i casi di infezione – dichiara Franco Polemio, direttore del servizio Sorveglianza sanitaria ASL Bari  – che provengono per la stragrande maggioranza dall’esterno, quindi per contatti extra lavorativi”.

I test molecolari di controllo sul personale sanitario e amministrativo saranno estesi la settimana prossima (30/11-6/12) agli altri centri Covid ASL, a Putignano, Altamura e Triggiano Successivamente saranno eseguiti anche nelle strutture non riconvertite per l’emergenza.

Lo stesso trattamento lo chiede anche la direzione sanitaria e amministrativa, il personale del servizi territoriali a contatto diretto  prolungato con l’utenza, gli equipaggi del 118, chi lavora nei polimbulatori delle ASL.

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo