Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Lama Balice un Parco da tutelare e valorizzare

631 Visite

Lama Balice è un Parco Naturale  di 504 ettari che si origina tra Ruvo di Puglia e Corato e dopo aver attraversato il Comune di Bitonto termina a Nord di Bari, presso il quartiere Fesca.

Con la Legge  n. 15/2007, la Regione Puglia ha riconosciuto questo Parco come area naturale protetta stipulando, altresì, per la sua gestione,  nel 2008,  una convenzione, poi rinnovata nel 2013, tra il Comune di Bari, il Comune di Bitonto e la Città metropolitana di Bari.

Un parco questo che rappresenta una delle poche aree verdi che il Comune di Bari può vantare e che pertanto richiede una maggior tutela e valorizzazione. Tutela e valorizzazione che in realtà fino ad oggi non c’è stata o se vi è stata è stata mal realizzata. Basti pensare che la stessa negli anni non solo è stata oggetto di incendi, presumibilmente dolosi, che hanno distrutto paesaggio e biodiversità, ma è diventata, anche,  una vera e propria discarica a cielo aperto, cosi come documentato da alcuni volontari che grazie al loro operato cercano di rivalutare e far riemerge le zone verdi che caratterizzano la città Barese.

E’ se è vero, però, che da un lato non è possibile addebitare queste condotte all’Amministrazione Comunale o Regionale che sia, poiché meri colpevoli sono solo quella minima parte (per fortuna) di cittadini incivili che caratterizza la nostra società; dall’altro lato è, pur vero, però, che anche le Amministrazioni hanno contribuito in qualche modo alla realizzazione di questo “scempio” poiché, come ut supra detto, sono state, comunque, stipulate negli anni delle convenzioni per la gestione del Parco, gestione però che è risultata e risulta del tutto assente, altrimenti non si spiegherebbe lo stato in cui versa l’area protetta.

E a tal proposito la domanda sorge spontanea: come vengono spesi e dove vengono spesi i soldi per la gestione dell’Area? In opere incompiute? In malgestio?

Bisogna che vi sia una collaborazione da parte di tutti: in primis da parte di noi cittadini che dobbiamo “realmente” comprendere il valore dell’ambiente e del verde che ci circonda ma anche da parte dell’Amministrazione che deve in maniere “efficiente”, “efficace” e “trasparente”  investire le risorse che lo Stato mette loro a disposizione per meglio gestire le aree verdi in generale, e questa area protetta di “Lama Balice” in particolare.

Purtroppo, ad oggi solo alcune associazioni hanno mostrato la reale volontà di salvaguardare il Parco Naturale di  “Lama Balice”, tra cui l’Associazione Gens Nova odv, che per l’appunto da tempo ha istituito una task-force per monitorare i fenomeni a danno dell’ambiente e salute pubblica.

Associazioni che si incontrano con l’obbiettivo di salvaguardare e valorizzare il Parco naturale come luogo di storia e natura di un territorio, quello barese, circondato, purtroppo, da un’urbanizzazione poco sensibile all’immenso patrimonio che li circonda.

Ricordiamoci, sempre, che queste aree verdi per NOI tutti sono una ricchezza inestimabile che ci consentono di avere uno stile di vita sostenibile e sano.

L’ambiente è sinonimo di vita e salute e, come tale, va salvaguardato.

Per tali motivi, quindi, ci si auspica un intervento serio e deciso da parte dell’Amministrazione Comunale e non solo, ricorrendo magari all’aiuto di privati imprenditori che vogliono dare un contributo serio alla città, sostenendo magari parte delle spese di gestione ( come ad esempio quelle di smaltimento dei rifiuti) di questa area protetta e non solo.

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo