Bariseranews.it – Oltre la notizia

Discariche abusive in periferia e in campagna raccolte in una mappa dai ciclisti di Fiab

342 Visite

L’abbandono dei rifiuti piace sempre meno ai cittadini che amano e rispettano natura e ambiente. Non gradiscono più la presenza di ingombranti e/o inquinanti nelle zone non consentite, nemmeno nelle periferie e nelle strade meno frequentate o nelle aree di campagna.

Il degrado per la presenza di materiali vari avrà, da oggi, minor modo di manifestarsi. Sebbene i sindaci siano sempre più interessati a scovare gli inquinatori, si siano mobilitati e “armati” di videocamere per foto-trappola, la lotta è impari e difficile da tenere sotto controllo. Troppo vasto il territorio attorno alla città di Bari e di qualunque comune per poter monitorare ogni angolo e soprattutto, diciamo la verità, anche troppo costoso se si dovessero mettere telecamere ovunque.

Gli incivili, quindi, continuano imperterriti nell’inquinamento dell’ambiente abbandonando e riversando ovunque ogni tipo di rifiuto: da materiali edili a mobili di arredamento, a cui spesso si aggiungono bidoni contenenti materiali chimici, bottiglie di ogni tipo, pneumatici e tanto altro. Ben venga dunque l’iniziativa partita da Mesagne (Brindisi) dal gruppo di Cicloamici Fiab Mesagne e adottato da due giorni pure da Fiab Ruotalibera Bari, presieduta da Roccaldo Tinelli.

In pratica tutti i ciclisti sportivi e gli appassionati della bicicletta, ma anche chi fa escursioni a piedi, diventano importanti e preziose “sentinelle su due ruote” e con l’aiuto di una mappa raccoglieranno segnalazioni, foto, dati e coordinate ogni volta che nelle loro ciclopasseggiate o allenamenti fuori città incontreranno zone inquinate.

«L’iniziativa è stata adottata già da diversi mesi dagli Amici di Mesagne – ci riferisce il presidente Tinelli – da qualche giorno l’abbiamo estesa pure su Bari e l’abbiamo inserita anche sul sito di Fiab Ruotalibera Bari per ampliarne la conoscenza. Il nostro intento è quello di aggiornare la mappa e renderla disponibile a tutti gli amministratori comunali con l’invito ad intervenire per la rimozione».

Per cercare di arginare il sempre più diffuso fenomeno dell’abbandono dei rifiuti lungo le strade secondarie e di campagna Fiab Bari Ruotalibera Aps ha condiviso la mappa “La Vandea dei rifiuti”, creata dai Cicloamici Fiab Mesagne. Chiunque può segnalare gli abbandoni di rifiuti al fine di tutelare l’ambiente e la salute di tutti. Sarà un modo per sollecitare le autorità competenti ad intervenire con la rimozione in tempi celeri.

Imbattendosi in una discarica abusiva basterà localizzare il punto preciso con il gps. Per segnalarlo è sufficiente utilizzare la fotocamera del proprio telefonino (attraverso il menu Impostazioni) attivare il tag “posizione” in modo da rilevare le coordinate Gps, scattare la foto della discarica, e compilare il modulo on-line. Pochi minuti da impiegare per fotografare, scrivere e inviare, ma essenziali per la salute di tutti. Sarà poi cura di chi gestisce la mappa, ovvero dei Cicloamici Fiab valutare le singole segnalazioni, classificarle, censirle e pubblicarle sulla cartina. Sulla mappa, con tutti i dati indicati dai ciclisti e da altri cittadini, compariranno bidoni rossi dove sono presenti discariche abusive e bidoni verdi per le zone precedentemente segnalate e già bonificate.

«Spesso ci capita di vedere abbandonato materiale eternit che ormai sappiamo tutti essere pericoloso – riferisce Tinelli – Amando la natura, vediamo paesaggi deturpati con rischi da inquinamento davvero pericolosi. Come ciclisti ci sentiamo in dovere di agire in qualche modo. Da quando ci sono le restrizioni per la pandemia non possiamo muoverci molto, per cui si è ridotta la possibilità di imbatterci in questi abbandoni selvaggi. Eppure non manca di rilevare zone costellate da ingombranti, in periferia e in campagna, ed episodi li riscontriamo persino lungo le statali dove in aree di parcheggio vediamo abbandoni di ogni tipo. Da qui la necessità di attirare l’attenzione e segnalare alle autorità preposte».

La mappa è visibile sul sito di Fiab Bari e di Cicloamici Fiab Mesagne. Da oggi tutti i baresi potranno partecipare a questa lodevole iniziativa che consentirà in maniera precisa e veloce di restituire alla nostra amata città un maggiore e meritato rispetto.

Anna Caiati

Promo