Da Napoli a Bari per vendere orologi in strada. Denunciato per ricettazione

È stato denunciato per ricettazione un 53enne napoletano, in trasferta a Bari, che cercava di vendere un orologio ad un passante in via Giulio Petroni.

La scena non è sfuggita agli agenti della Squadra Volante. Mentre percorrevano la via a bordo delle moto di odinanza, i poliziotti hanno notato qualcosa di strano: un giovane ragazzo era intento a discutere con il conducente di un’autovettura, Opel Corsa. Ad uno sguardo non allenato poteva sembrare un atteggiamento normale, ma gli agenti, invece, hanno subito capito che non era ciò che sembrava.

Appena si sono avvicinati, il conducente dell’auto ha cercato di nascondere subito una scatola blu con all’interno un orologio che stava mostrando al suo interlocutore. L’uomo è stato subito identificato nel 53enne, residente a Napoli. L’auto, invece, era stata presa a noleggio. Gli agenti hanno accertato che l’uomo stava cercando di vendere un orologio ad un 38enne di origini filippine, incensurato, che aveva fermato lungo la strada per proporgli l’acquisto.

Durante la perquisizione, sul sedile lato passeggero sono stati scoperti 3 orologi di marca con le custodie, 7 confezioni di profumo di marca da 50ml e varie fragranze. C’era anche un catalogo di orologi. Nel bagagliaio c’erano altre 5 custodie contenenti gli orologi, 3 tessere cartacee per la garanzia internazionale e altre 10 confezioni di profumo.

Gli orologi, perfettamente funzionanti, sono ora al vaglio degli esperti che capire se si tratti di merce contraffatta o di illecita provenienza. Comunque, tutti i prodotti sono state sequestrati. La vendita al dettaglio avrebbe fruttato circa 4mila euro.

Promo