Bariseranews.it – Oltre la notizia

La riflessione quotidiana di Monsignor Francesco Savino

133 Visite

CAFFÈ SPIRITUALE
LUNEDÌ, 28 DICEMBRE 2020
SANTI INNOCENTI, MARTIRI – FESTA
====☕️====
—–•••—–

«I santi Innocenti furono uccisi per Cristo, Agnello senza macchia,
e in cielo lo seguono cantando sempre: Gloria a te, o Signore.»

✠ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

VANGELO
Erode mandò a uccidere tutti i bambini che stavano a Betlemme.
✠ Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 2,13-18).
I Magi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta là finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo».
Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode, perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:
«Dall’Egitto ho chiamato il mio figlio».
Quando Erode si accorse che i Magi si erano presi gioco di lui, si infuriò e mandò a uccidere tutti i bambini che stavano a Betlemme e in tutto il suo territorio e che avevano da due anni in giù, secondo il tempo che aveva appreso con esatezza dai Magi.
Allora si compì ciò che era stato detto per mezzo del profeta Geremìa:
«Un grido è stato udito in Rama,
un pianto e un lamento grande:
Rachele piange i suoi figli
e non vuole essere consolata,
perché non sono più».

MEDITAZIONE
San Cipriano [(ca 200-258) vescovo di Cartagine e martire],
Lettera 58

« Il servo non è più del suo maestro »

L’apostolo Giovanni scrive: « Chi dice di dimorare in Cristo, deve comportarsi come lui si è comportato » (1Gv 2,6); e san Paolo: « Siamo figli di Dio. E se siamo figli, siamo anche eredi: eredi di Dio, coeredi di Cristo, se veramente partecipiamo alle sue sofferenze per partecipare anche alla sua gloria » (Rom 8,16-17)… Fratelli carissimi, imitiamo Abele il giusto che per primo ha meritato il martirio per la giustizia (Gen 4,8)… ; imitiamo i tre giovani, Sadràch, Mesàch e Abdènego, che hanno vinto il re con la forza della loro fede (Dan 3)… I profeti a cui lo Spirito Santo aveva dato la conoscenza del futuro e gli apostoli scelti dal Signore, non ci insegnano forse col loro martirio a morire anche noi per la giustizia?
La nascita di Cristo è stata subito accompagnata dal martirio a causa del suo nome di bimbi di meno di due anni; anche senza combattere, essi hanno conquistato la corona. Perché fosse chiaro che coloro che sono uccisi per Cristo sono innocenti, dei bimbi innocenti sono stati messi a morte a causa del suo nome… Sarebbe grave che un servo dal nome di cristiano non volesse soffrire quando il suo maestro, Cristo, ha sofferto per primo …! Il Figlio di Dio ha sofferto per farci figli di Dio, e i figli degli uomini non vogliono soffrire per continuare ad essere figli di Dio…? Il Signore del mondo ce lo ricorda : “Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo… Ricordatevi della parola che vi ho detto: Un servo non è più grande del suo padrone” (Gv 15,18-20)…
Quando combattiamo per la fede, Dio ci guarda, i suoi angeli ci guardano, Cristo ci guarda. Quale gloria, quale fortuna aver Dio che presiede alla prova e Cristo giudice quando riceveremo la corona! Allora, fratelli carissimi, raccogliamo tutte le nostre forze, prepariamoci alla lotta con anima senza colpa, fede solida e generoso coraggio.

PADRE NOSTRO…

ORAZIONE
O Dio, che oggi nei santi Innocenti
sei stato glorificato non a parole ma con il martirio,
concedi anche a noi di esprimere nella vita
la fede che professiamo con le labbra. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio.

✠ Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

 ******

«Un giorno santo è spuntato per noi:
venite tutti ad adorare il Signore;
oggi una splendida luce è scesa sulla terra.»
In Cristo Gesù, nostra Speranza, vero Dio e vero uomo, buona festa dei santi Innocenti martiri.

  • don Francesco

Promo