Slider
Slider
Slider

Covid, l’Asl Bari potenzia e riorganizza l’ assistenza a domicilio

77 Visite

Assistere i pazienti Covid a casa per curarli al meglio ed evitare la pressione sulle strutture ospedaliere. L’Asl di Bari ha riorganizzato l’attività delle Usca, le Unità speciali di continuità assistenziale, rafforzando il personale ma soprattutto con nuove dotazioni tecnologiche in grado di gestire i pazienti a domicilio.

I medici delle Usca sono 250 in 25 sedi: sono state raddoppiate le ore di servizio da 18 a 36 ore. Avranno, inoltre, a disposizione già nelle prossime ore ecografi portatili e saturimetri palmari per monitorare meglio l’evoluzione della patologia, mezzi con personale dedicato per facilitare gli interventi a domicilio e kit per eseguire #tamponi molecolari.

“L’aumentata esigenza di assistenza a domicilio dei pazienti Covid concomitante alla terza ondata della pandemia ha determinato la necessità di riorganizzare le nostre Usca con una strumentazione tecnologica, mezzi e risorse umane dedicate – spiega il direttore generale, Antonio Sanguedolce – l’obiettivo è di garantire una assistenza più appropriata a tutti quei pazienti Covid che non hanno bisogno di essere assistiti in ospedale ma che invece devono essere monitorati in modo adeguato a casa”.

I medici Usca saranno coordinati da Felice Spaccavento, delegato dalla direzione generale per il supporto clinico e la formazione degli stessi medici, a cui offrirà la sua esperienza di anestesista e responsabile della Unità operativa di fragilità e complessità della Asl. “L’ecografia polmonare associata ad alcuni parametri respiratori ci permettono di capire prima se un paziente positivo può andare incontro ad un peggioramento e/o al contrario può evitare l’ospedalizzazione – spiega Spaccavento – con la dotazione strumentale è possibile migliorare il trattamento a domicilio e fare diagnosi precoci”.

Il supporto agli aspetti formativi sarà garantito dal prof. Gioachino Angarano, mentre il coordinamento organizzativo delle attività Usca resta in carico a Enzo Gigantelli, direttore del Dipartimento delle cure e dell’assistenza territoriali.

I medici Usca dalla settimana prossima potranno anche eseguire tamponi molecolari per i pazienti sintomatici, in modo tale da accelerare il percorso diagnostico e la presa in carico. Inoltre con il supporto della Protezione civile, saranno forniti mezzi di trasporto e personale per aumentare e facilitare gli interventi domiciliari.

Intanto da martedì 6  possono aderire alla vaccinazione le persone nate tra il 1° gennaio del 1950 e il 31 dicembre del 1951.

Gli appuntamenti per le persone nate fra il 1942 e il 1951 sono stati già fissati in base all’anno di nascita e al Comune di residenza registrato nell’anagrafe sanitaria.

 Le persone iscritte all’anagrafe sanitaria di Bisceglie o Andria nate fra il 1948 e il 1951 possono consultare il proprio appuntamento a partire dalle 14.

Per aderire alla vaccinazione e conoscere la data e il luogo dell’appuntamento occorrono:

 tessera sanitaria e codice fiscale della persona che si vuole vaccinare

 almeno un numero di telefono per eventuali comunicazioni da parte dell’Asl.

L’adesione alla vaccinazione può avvenire:

Tramite la piattaforma La Puglia ti vaccina: http://lapugliativaccina.regione.puglia.it/

 Chiamando il numero verde 800.713931, attivo dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20

 Presso una delle farmacie accreditate al servizio FarmaCUP

 Le persone in condizioni di fragilità seguono un percorso dedicato: attendono la chiamata del medico o del centro specialistico di cura se sono estremamente vulnerabili, contattano il proprio medico se hanno una grave disabilità ai sensi della legge 104 del 1992 art. 3 comma 3.

Per ulteriori informazioni: http://lapugliativaccina.regione.puglia.it/

Slider

Promo