«L’ho portato dai tuoi discepoli, ma non sono riusciti a guarirlo», il caffè spirituale di mons. Savino

CAFFÈ SPIRITUALE
SABATO, 07 AGOSTO 2021
SABATO DELLA XVIII SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO DISPARI)
====☕====

—–•••—–

«O Dio, vieni a salvarmi,
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Tu sei mio aiuto e mio liberatore:
Signore, non tardare.» (Sal 69,2.6)

✠ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

VANGELO
Se avrete fede, niente vi sarà impossibile.
✠ Dal Vangelo secondo Matteo
(Mt 17,14-20).
In quel tempo, si avvicinò a Gesù un uomo che gli si gettò in ginocchio e disse: «Signore, abbi pietà di mio figlio! È epilettico e soffre molto; cade spesso nel fuoco e sovente nell’acqua. L’ho portato dai tuoi discepoli, ma non sono riusciti a guarirlo».
E Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa! Fino a quando sarò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatelo qui da me». Gesù lo minacciò e il demonio uscì da lui, e da quel momento il ragazzo fu guarito.
Allora i discepoli si avvicinarono a Gesù, in disparte, e gli chiesero: «Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?». Ed egli rispose loro: «Per la vostra poca fede. In verità io vi dico: se avrete fede pari a un granello di senape, direte a questo monte: “Spòstati da qui a là”, ed esso si sposterà, e nulla vi sarà impossibile».

MEDITAZIONE
San Tommaso Moro (1478-1535)
statista inglese, martire
Dialog of Comfort against Tribulation

“Credo, aiutami nella mia incredulità” (Mc 9,24)

Nessuno può darsi la virtù della fede (…); la fede è un dono gratuito di Dio. Come dice San Giacomo: “Ogni buon regalo e ogni dono perfetto viene dall’alto e discende dal Padre della luce” (1,17). Quando dunque sentiamo che la nostra fede è davvero debole, preghiamo colui che ce la dona di fortificarla (…): “Credo, aiutami nella mia incredulità” (Mc 9,24), e con gli apostoli: ” Signore, aumenta la nostra fede” (Lc 17,5). Meditiamo le parole di Cristo quando dice che se non vogliamo permettere alla nostra fede di intiepidire, anzi di raffreddarsi, di perdere la sua forza disperdendo i nostri pensieri in futilità, bisogna che ci ritiriamo nella camera della nostra casa (Mt 6,6) e lì raccogliere la nostra fede cessando di dar retta alle illusioni del mondo.
E come un grano di senapa, che per sua natura è vivo e brucia, bisogna seminare la fede nel giardino del nostro cuore, dopo aver sradicato tutte le erbacce. Allora crescerà tanto che gli uccelli del cielo, cioè gli angeli santi prenderanno dimora nella nostra anima e porterà il frutto delle virtù sui suoi rami (Mt 13,31s). Con salda fiducia nella parola di Dio, solleveremo un monte di afflizioni (Mt 17,20), mentre se la nostra fede è vacillante, non sposterà nemmeno un monticello.

PADRE NOSTRO…

ORAZIONE
Mostra la tua continua benevolenza, o Padre,
e assisti il tuo popolo,
che ti riconosce creatore e guida;
rinnova l’opera della tua creazione
e custodisci ciò che hai rinnovato. Per Cristo nostro Signore. Amen.

✠ Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

******
«Il salvatore nostro Cristo Gesù ha vinto la morte
e ha fatto risplendere la vita per mezzo del Vangelo.» (Cf. 2Tm 1,10)
In Cristo Gesù, nostra Speranza, Via, Verità e Vita, sia benedetta questa giornata.
+don Francesco

Promo